“Qui la mamma che allatta è benvenuta”. Palermo si mobilita

“Qui la mamma che allatta è benvenuta”. A Palermo Palazzo delle Aquile ospiterà il primo dei 10 Pit-Stop per l’allattamento materno, presentato in occasione del flash mob nazionale (gli  altri saranno attivate a Villa Niscemi e nelle 8 sedi delle circoscrizioni comunali). L’iniziativa  fa parte di un programma di attività sul tema tornato alla ribalta delle cronache due settimane. È uno modo di sostenere concretamente – spiegano gli organizzatori – le donne che allattano al seno i propri figli. Si tratta di una scelta importante per la crescita psicofisica dei bambini che le istituzioni hanno il dovere di favorire.

Allatta al seno, è polemica

Il tema dell’allattamento materno è tornato di attualità scatenando fortissime polemiche dopo il caso di una donna di Biella cacciata dall’ufficio postale per aver allattato al seno il suo piccolo di tre mesi in un angolo dell’ufficio. A raccontare l’episodio è stata la stessa donna con un post su Facebook nel quale spiegava anche che per non disturbare i presenti aveva chiesto di poter utilizzare un luogo appartato e che gli è stato riposto è vietato allattare al seno e consentito solo con il biberon.  Sul presunto divieto sono scesi in campo molti politici, e non solo donne. Su Twitter anche il ministro Madia era intervenuta a caldo a difesa della donna che allatta: «In alcun luogo dovrebbe essere vietato l’#allattamento. Subito una direttiva per tutta la #PA». Giorgia Meloni provocatoriamente aveva invitato le donne a un’azione simbolica: “andiamo tutte alle poste ad allattare…”.