Presa la ladra seriale dei supermarket: i carabinieri le presentano il conto

Dopo mamma borseggio, beccata a Roma dopo anni di furti, stavolta è toccata a una 35enne cittadina romena, domiciliata a Montecatini Terme (Pistoia), arrendersi alle forze dell’ordine sulle sue tracce da un po’. La donna, infatti, abile mani di fata che aveva scelto superemercati e negozi come raggio d’azione dei suoi fraudolenti interessi, nel tempo avrebbe sottratto alle attività commericali in cui colpiva e si dileguava beni per diverse migliaia di euro.

Presa la ladra seriale dei supermarket 

Abile e, soprattutto, attenta a non dare nell’occhio, la donna si muoveva con circospezione, attenta a eludere le telecamere di sorveglianza e a non destare sospetti tra i presenti nei luoghi individuati per il furto; solo che ieri pomeriggio, rintracciata dai carabinieri della locale stazione e accompagnata al carcere fiorentino di Sollicciano, gli agenti al lavoro sul caso le hanno presentato il conto: un conto salato che tiene in considerazione oltre un anno di furti e taccheggi. E allora, si apprende da fonti investigative, la donna sconterà un anno e 9 mesi di reclusione, comminatogli dal Tribunale di Alessandria, risultato di un cumulo di pene per varie condanne per furto aggravato. Reati commessi fra il 2009 e il 2010, arco di tempo in cui, la mani di fata dell’est, si è resa responsabile di una serie di furti ai danni di supermarket e negozi di abbigliamento di Genova e provincia, ai quali risulta avere sottratto beni per qualche migliaio di euro.