Paura all’Esquilino, in tre rapinano una coppia: bottino pochi euro

Si stavano salutando davanti al portone quando sono stati rapinati.  L’episodio è avvenuto nel quartiere Esquilino a Roma ieri sera prima della mezzanotte. La coppia è stata avvicinata da tre giovani, i quali, dicendo di avere un coltello in tasca, sono riusciti  a farsi consegnare pochi euro. Determinanti per il successivo arresto dei tre rapinatori sono stati i numerosi particolari che le due vittime avevano memorizzato e che hanno fornito all’equipaggio della polizia giunto in loro soccorso. I poliziotti, diramando ”la nota” tramite la sala operativa della questura, hanno così permesso ai colleghi del commissariato Celio, diretto da Stefania D’Andrea, di individuare tre sospetti in via Labicana.

Rapinati all’Esquilino da due rumeni e un campano 

N.C.T. e C.J., entrambi ventenni rumeni e D.P.G. 28 anni di origini campane, hanno capito di essere ”nel mirino” degli agenti e hanno cercato di far perdere le loro tracce.  Ma sono stati fermati pochi metri dopo. Primo riscontro i tatuaggi sulle mani del ragazzo che doveva essere armato; in realtà il rigonfiamento della tasca non era dovuto a un coltello ma a un tubetto di fondotinta. Gli investigatori, dopo aver raccolto ulteriori elementi di riscontro, hanno sottoposto i tre al fermo di polizia giudiziaria, e al  termine degli accertamenti sull’identità, piuttosto complessi visti i numerosi ”alias” forniti in precedenza dai due romeni, sono stati accompagnati a Regina Coeli.