Non manda a scuola il figlio per fargli chiedere l’elemosina: rom arrestata

Un bambino non viene mandato a scuola ma sfruttato in manioera reiterata per chiedere l’elemosina ai turisti, ai passanti. Una situazione che si ripete da mesi ad Ischia e alla fine i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno denunciato una donna rumena di 29 anni. È ritenuta responsabile di impiego di minori nell’accattonaggio. La donna è stata sorpresa infatti nel centro di Ischia mentre indirizzava il figlio di 12 anni per la vendita di piccoli oggetti a turisti, commercianti e residenti. La stessa scena era avvenuta lo scorso 10 dicembre.

Bimbi rom e accattonaggio

Nel corso di accertamenti è emerso inoltre che il minore non veniva mandato mai a scuola. Il bambino è stato ora affidato ai servizi sociali. la piaga dello sfruttamento dei minori è da tempo sotto osservazione, tanto che un nucleo di agenti della polizia municipale, in abiti rigorosamente borghesi, è stato impiegato da mesi per intercettare i fenomeni dell’accattonaggio e dell’ambulantato abusivo, soprattutto quando riguarda i bambini. La task force ha già sgominato vari nuclei di cittadini romeni con figli minori al seguito.