Milly Carlucci ha paura della De Filippi e fa slittare “Ballando con le stelle”

Ballando con le Stelle inizierà con una settimana di ritardo rispetto al previsto, il 25 febbraio anziché il 18. Una notizia anodina in sé e per sé, se non fosse che da giorni anche sulle riviste di gossip si parla di una Milly Carlucci nervosa, spiazzata dall’approdo al Festival di  Sanremo di una fuoriclasse come Maria De Filippi, proveniente da una “squadra” tradizionalmente nemica come Mediaset. Ballando, lo show del sabato sera , ha sempre avuto come competitor proprio Maria De Filippi su Canale 5. Quindi ora cosa c’è di nuovo?  C’è di nuovo che – secondo i siti di gossip e i retroscenisti del mondo dello spettacolo –  la troppa vicinanza col Festival di Sanremo di Maria De Filippi avrebbe suggerito alla conduttrice di Ballando di posticipare al 25 febbraio. Perché? 

L’onda lunga della De Filippi

«Il terrore dell’onda lunga di Maria De Filippi a Sanremo», è la tesi più accreditata. Secondo una ricostruzione che leggiamo sul Messaggero, ci sarebbe stato un incontro tra la padrona di casa, Milly Carlucci, e il  dg Rai Antonio Campo Dall’Orto. La conduttrice infatti, «da giorni pensava a una settimana in più di respiro prima di far partire il suo show. Per due ragioni: in primis, perché il 18 sarebbe stato troppo vicino alla fine di Sanremo; non solo ma il 18 febbraio Maria De Filippi  tornerà subito al lavoro su  Canale 5 con C’è posta per te. Naturalmente Milly Carlucci teme l‘effetto traino che la conduzione del Festival avrà per la De Filippi e per la sua trasmissione di Canale 5 che andrà in concomitanza con il talent della Carlucci, Ballado con le Stelle. Insomma, Milly Carlucci è preoccupata di un possibile inizio in sordina della sua trasmissione sulla quale ha investito il suo lavoro.

Cast ancora in alto mare

Tanto più che si presenta qualche intoppo orgnizzativo, il cast: «difficile portarlo a casa con gli standard di un tempo. Una mezza impresa chiudere i contratti. I vip, o aspiranti tali, chiedono cifre fuori mercato. Al momento, gli unici sicuri sono Martina Stella, Giuliana De Sio (entrambe con i cachet più alti di tutti, sopra i 100.000 per intenderci), Simone Montedoro (attore di fiction), Fabio Basile (medaglia d’oro di judo)». Milly sarebbe un po’ in ritardo sulla tabellina di marcia e questo ha reso nervosa una perfezionista come lei. La ricerca spasmodica del cast, ballerini ancora senza contratto, budget sempre più basso. Quindi si profila un’edizione di Ballando incentrata su seconde scelte un po’ più a buon mercato come accaduto all‘Isola dei famosi. Di certo si sa che è condermata tutta la Giuriadalla Lucarelli a Zazzaroni. Rimane sul tappeto il nodo dei ballerini: i mestri di ballo come Samanta Togni o Samuel Peron, ad esempio, non possono più prendere le stesse cifre degli anni passati. «Puntano a qualcosina di più – si legge sul messaggero –  considerando che nel tempo sono “cresciuti”. Anche qui, la Rai stringe la cinghia. E tratta. Alla fine porterà a casa lo show. Ma a scapito di qualità e dettagli». Faranno la differenza?