Maschere di carnevale e giochi nocivi: maxi sequestro a Cosenza

Maschere di carnevale pericolose per i bambini.  I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza hanno sequestrato oltre due milioni e mezzo di maschere e vestiti di carnevale, destinati alla vendita, carenti dei contenuti informativi e pericolosi per il consumatore. L’operazione denominata “Maschere Protette” ha permesso di individuare diverse società, gestite da cittadini cinesi, che mettevano in vendita articoli di carnevale pericolosi provenienti dall’area asiatica. I prodotti sono risultati privi delle indicazioni riguardanti la composizione dei materiali utilizzati per la realizzazione, con etichette non contenti le informazioni considerate obbligatorie dalla normativa, sia nazionale che comunitaria, e sprovvisti dei relativi certificati attestanti i test di sicurezza e del controllo sanitario, e delle istruzioni ed avvertenze per l’uso. Gli articoli di carnevale sequestrati sono risultati potenzialmente pericolosi poiché gli acquirenti, indossandoli, sarebbero stati esposti al rischio di contrarre infezioni cutanee e altre malattie dermatologiche.

Maschere di carnevale pericolose

I giocattoli, prevalentemente palline piramidali, ideate per sviluppare le capacità motorie dei più piccoli, sono risultate connotate da estrema fragilità, a causa del materiale utilizzato per la realizzazione delle stesse, e l’eventuale rottura avrebbe esposto i bambini al rischio di intossicazione a causa dell’ingerimento dei frammenti del prodotto. Altri articoli, in particolare accessori d’abbigliamento, sono risultati contraffatti. A conclusione dell’operazione, oltre al sequestro di due milioni e mezzo tra maschere e giocattoli, sono stati segnalati alle autorità competenti per l’accertamento delle conseguenti violazioni e la confisca dei beni i legali rappresentanti di dieci società.