Luttvak: Trump ricostruirà l’America, malgrado la guerra delle élite dem

La presidenza di Donald Trump è destinata a durare, nonostante la “guerra mediatica” scatenata contro il presidente Usa da “élite benpensanti” e pezzi degli apparati di sicurezza, culminata al momento nelle dimissioni del consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Parola di Edward Luttwak, profondo conoscitore degli ambienti politici di Washington, che minimizza lo scontro in atto tra la Casa Bianca e la comunità dell’intelligence. Uno scontro “enormemente esagerato”, dice il politologo, raggiunto telefonicamente dall’Adnkronos. A rinfocolare le polemiche ci ci pensa lo stesso Trump, con i tweet nei quali senza giri di parole accusa Fbi e 007 di passare alla stampa informazioni riservate al solo scopo di screditare la sua amministrazione, tesi peraltro verosimile e quasi riscontrabile. Luttwak non nega che ci sia “tensione” tra la Casa Bianca e gli apparati di intelligence. Due i principali motivi a suo giudizio. Il primo è dovuto alla “annunciata riduzione” che questa amministrazione vuole attuare rispetto alla “crescita eccessiva” degli apparti di intelligence avvenuta dopo l’11 settembre 2001. “Sono troppo grandi, con troppi soldi e troppa gente non qualificata”, dice Luttwak. Il secondo motivo sarebbe invece legato alla politica estera della nuova amministrazione che punta a un nuovo asse con Mosca. Trump, spiega Luttwak, “vuole un accordo con la Russia per respingere la Cina” e le sue mire espansionistiche. Ci sono molti “ex funzionari dell’intelligence”, quelli che parlano con la stampa, afferma il politologo, che sono “contro l’idea di Trump”.

Per Luttvak è in corso una guerra alle élite

Ma soprattutto, è in corso secondo Luttwak “una guerra mediatica dei benpensanti contro Trump”. Per il politologo “è giusto che sia così”, perché il discorso inaugurale del nuovo presidente è stato una vera e propria “dichiarazione di guerra alle élite” di Washington. “Quando sfidi un’intera élite di benpensanti, questi reagiscono perché non vogliono rimanere fuori gioco per otto anni”, chiosa Luttwak. Eppure, aggiunge, “non vedo il rischio paralisi” per la Casa Bianca. Il successo di questa amministrazione a suo giudizio si misurerà sull’economia, sulla realizzazione del progetto Rebuild America. Il piano da 1,3 trilioni di dollari al quale sta lavorando “la squadra principale” di Trump per costruire e ammodernare le infrastrutture Usa. Il piano è “il cuore di questa Amministrazione”,
dice il politologo. E la rielezione di Trump a suo giudizio, più che sui metodi poco ortodossi importati alla Casa Bianca o sugli scivoloni personali – “tutte cose triviali” – si giocherà sulla creazione di posti di lavoro: “E molti di questi posti andranno a persone che non lo hanno votato”. Ma se anche le “élite benpensanti” dovessero avere la meglio e costringere Trump alle dimissioni prima della scadenza del suo mandato, “questa vittoria sarebbe in realtà la loro più grande
sconfitta”. Perché “l’ironia” di tutta questa storia, spiega Luttwak, è che al posto di Trump subentrerebbe il vice presidente Mike Pence. Un uomo che “ha le stesse idee di Trump, ma è più rigoroso, è religioso e non ha vulnerabilità personali”. Pence, insomma, sarebbe inattaccabile.