L’avvicinamento Russia-Iran potrebbe nuocere ai rapporti tra Trump e Putin?

L’avvicinamento tra Russia e Iran è forse l’unico aspetto che potrebbe creare qualche frizione tra Mosca e la nuova Casa Bianca di Donald Trump. Gli Stati Uniti infatti hanno riaperto le ostilità contro Teheran, sulle orme di Bush e di Carter. Anche perché questo avvicinamento si è verificato anche in Siria, dove volontari iraniani e truppe russe combattono contro l’Isis a fianco del presidente Assad. Come peraltro fanno anche gli Stati Uniti. Ma i jet russi stanno utilizzando lo spazio aereo iraniano per condurre operazioni anti-terrorismo in Siria. Lo ha confermato il segretario del Supremo Consiglio per la Sicurezza Nazionale dell’Iran, Ali Shamkhani, in dichiarazioni all’agenzia di stampa semiufficiale Fars. Shamkhani ha spiegato che l’uso dello spazio aereo ai jet di Mosca è stato concesso “perché abbiamo una totale cooperazione strategica con la Russia”. L’esponente iraniano ha spiegato che “negli ultimi casi gli aerei da guerra russi hanno usato solo lo spazio aereo dell’Iran e non hanno condotto operazioni di rifornimento di carburante”. 

La Russia utilizza lo spazio aereo iraniano

Le dichiarazioni del capo del Supremo Consiglio per la Sicurezza Nazionale dell’Iran seguono una notizia circolata nei giorni scorsi secondo cui sei bombardieri russi Tupolev-22M avevano usato lo spazio aereo iraniano e una base di Hamedan, nell’ovest della Repubblica islamica, nell’ambito di un’operazione contro obiettivi del sedicente Stato islamico nella città di Deir Ezzor, nella Siria orientale. E se i rapporti tra Iran e Washington peggiorano di giorno in giorno, con altri Paesi arabi non è così e anzi si corre ai ripari per evitare che accada: “Ogni tentativo di minare i rapporti tra Arabia Saudita e Stati Uniti è destinato a fallire”, ha affermato infatti il principe ereditario saudita, Mohammed bin Nayef bin Abdul Aziz, che è anche vice premier e ministro dell’Interno della monarchia del Golfo, in occasione della visita a Riad del direttore della Cia, Mike Pompeo. Le relazioni del regno di Salman con gli Usa sono “strategiche e storiche”, ha sottolineato il principe, citato dall’agenzia di stampa ufficiale Spa.