Troppi migranti in Germania: Berlino offre 1200 euro a chi se ne va

Per scongiurare il ripetersi delle cifre da incubo del 2015 quando sono arrivati in Germania quasi un milione di profughi – il governo di Berlino ha escogitato un’esca allettante: chi se ne andrà su base volontaria avrà diritto a un incentivo di 1.200 euro. La misura, denominata “Starthilfe Plus” (aiuto di avvio, più) è stata approvata dal governo federale a fine dicembre ed è entrata m vigore ieri 1 febbraio. Per rendere attraente il rimpatrio volontario dei migranti che hanno presentato domanda di asilo, sono stati stanziati 40 milioni di euro, si legge su “il Messaggero“.
 
In Germania un milione di migranti nel 2015
 
Il programma esistente Reag (Reintegration and emigration program for asylum-seekers m Germany) prevede infatti solo le spese del viaggio, più un contributo di 200 per il viaggio e, a seconda della provenienza, altri 300-500 euro a testa per i migranti provenienti da 45 paesi fra cui Afghanistan, Iraq, Libia, Egitto. Per i rimpatri in Tunisia o Turchia, sarà corrisposta la cifra bassa, per paesi come Afghanistan o Pakistan la cifra si attesta sul tetto alto. Secondo le autorità il piano di rimpatri volontari funziona bene ed è nell’interesse di ambo le parti, anche i profughi che si risparmiano l’esperienza spesso traumatica del rimpatrio forzato, che deve avvenire entro 30 giorni in caso di domanda di asilo respinta e una settimana se si tratta di un paese di origine incluso nella lista di quelli di sicura provenienza (i Balcani ad esempio).
 
Nel 2016 in 55.000 son tornati a casa
 
Secondo stime dell’Ufficio federale per la migrazione e i profughi, nel 2016 i migranti che hanno scelto di rimpatriare con gli aiuti dello Stato sono stati circa 55.000, contro 37.000 nel 2015.1 profughi espulsi lo scorso anno sono stimati invece in 25.000. Da ieri, chi ritirerà la domanda di asilo e accetterà di andarsene, riceverà 1.200 euro. Coloro la cui domanda è stata respinta e se ne andranno nei termini previsti dalla legge avranno diritto a 800 euro. Gli incentivi valgono per i profughi sprovvisti di mezzi a partire da 12 anni. Sotto tale età la cifra è dimezzata. Per le famiglie di più di quattro persone è inoltre previsto un ulteriore incentivo di 500 euro. Esclusi dal programma i migranti della Siria, ma anche di determinati paesi, come i Balcani occidentali, che comunque da tempo Berlino ha dichiarato paesi sicuri e quindi non coperti dal diritto di asilo.