In un giorno sbarcati altri 68 migranti algerini. Tutti uomini, con zaini e soldi

Secondo massiccio sbarco di algerini nel corso della giornata di ieri nelle coste del Sud della Sardegna, ma la situazione, che è monitorata dalle forze dell’ordine è in piena evoluzione. Le ottime condizioni meteo marine del Canale di Sardegna hanno favorito la partenza dei barchini dalle coste algerine. Il primo sbarco a mezzanotte nella spiaggia di Su Giudeu, in comune di Domus DeMaria (Ca), dove sono sbarcati dieci giovani trovati dai carabinieri.

Sbarchi a raffica

Verso le 13 di mercoledì il primo intervento dei militari del Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza di Cagliari che ha intercettato un barchino con altri 10 algerini a circa tre miglia a sud di Punta Menga, nelle acque antistanti Cala Piombo in comune di Comune di Teulada (Ca). Il barchino è stato affiancato e scortato nel porto di Sant’Antioco.Nel pomeriggio altri tre barchini sono stati intercettati dall’elicottero e dalle unità navali del Reparto Aeronavale della Guardia di finanza di Cagliari a sud dell’Isola di Sant’Antioco due a  circa venticinque miglia e uno a quindici miglia dall’isola del Toro, con oltre quaranta persone a bordo.

Hanno dichiarato di essere algerini

Tutti sono stati accompagnati nel centro di prima accoglienza di Assemini (Ca).Nelle prossime ore saranno portati a Cagliari, nella caserma Carlo Alberto della Polizia, per le operazioni di foto-segnalamento   In totale sui sei barchini c’erano sessantotto migranti, tutti uomini che hanno dichiarato di essere algerini, in buone condizioni fisiche, zainetto in spalla con cambio di indumenti e soldi. Il 3 gennaio scorso il primo massiccio sbarco del 2017 con quarantasei algerini  (tra cui una donna e alcuni che si dichiararono minori) che arrivarono nel Sulcis con tre barchini.