Il sindaco di Grosseto: fare chiarezza sulla gestione dei rifiuti in Toscana

“Il commissariamento di Sei Toscana è l’unica scelta saggia compiuta finora nella preoccupante vicenda che sta interessando la gestione dei rifiuti: il Comune di Grosseto aveva con forza denunciato e ribadito la necessità di questa opzione già nel corso dell’ultima Assemblea dei sindaci dell’Ato Toscana sud, in cui si era discusso sulla procedura aperta dall’Anac”. Lo affermano, in
una nota congiunta, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, e Simona Petrucci, assessore all’Ambiente del Comune di Grosseto. “È necessario finalmente fare chiarezza sull’operato di Sei Toscana: è necessario andare in profondità nella vicenda per capire le responsabilità, per indagare sui costi di gestione, sul perché la tariffa sia letteralmente raddoppiata, nonostante la qualità del servizio sia scesa ai livelli che tutti i cittadini ormai ben conoscono – continuano i due amministratori grossetani – Siamo convinti che il commissariamento sia lo strumento, libero e indipendente, più efficace per arrivare a questa chiarezza. Ma non solo: è anche così che si garantisce almeno la continuità del servizio, tutelando i cittadini e gli oltre 1200 dipendenti del settore”. “Ci auguriamo che possa essere una fase transitoria, benché obbligata, di garanzia e di trasparenza in attesa che la magistratura individui tutte le responsabilità”, aggiunge il sindaco di Grosseto.

Al sindaco di Grosseto fa eco Donzelli: pulizia

“Il commissariamento che avevamo chiesto da subito è un fatto grave quanto doveroso: il Partito democratico è il vero mandante politico dell’affidamento ventennale da parte di Ato Toscana Sud per la gestione del ciclo dei rifiuti nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto, oltre che manovratore dei comuni che ha governato per decenni, delle cooperative rosse coinvolte e dell’istituto di credito “amico” Banca Etruria, tutti coinvolti nel cartello di Sei Toscana”. E’ quanto afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio regionale della Toscana Giovanni Donzelli, commentando il commissariamento chiesto oggi dall’Anac per la società Servizi Ecologici Integrati Toscana. “Chiediamo che si faccia la più completa chiarezza rispetto ad una vicenda che puzza di bruciato e sulla quale vogliamo venga ripristinata al più presto la legalità – sottolinea Donzelli – purtroppo la sinistra in questa regione ha la pessima abitudine di gestire le faccende come l’orto di casa propria questa vicenda danneggia la gestione, oltre che l’immagine, dei territori coinvolti e dei suoi cittadini. Ci auguriamo che i commissari che verranno nominati faranno emergere tutto il marcio prodotto – conclude Donzelli – adesso occorre fare davvero pulizia”.

(foto tv9)