I fan di Virginia sotto la finestra. Lei si affaccia ma non vede folle oceaniche (video)

Per dire a lei, la sindaca di Roma perennemente traballante, che “Virginia non è sola”, si sono mobilitati su Fb. Ma in piazza del Campidoglio, ieri, si sono ritrovati in poche decine. Con i cuoricini e con i palloncini. Siamo qui “per difenderla dagli attacchi della stampa”. La stampa? Veramente la sindaca è sotto fuoco amico da quando si è insediata. Impossibile non vederlo, impossibile non saperlo. E infatti una delle fan di Virginia a un certo punto parlando con un’altra lo ammette: “Però la Lombardi la deve smettere di rompere le palle…”. Il riferimento è a Roberta Lombardi, fresca di dichiarazioni contro lo stadio della Roma a Tor di Valle. Un’altra fan si commuove quando Virginia concede un saluto, affacciandosi alla finestra. Sotto, non folle oceaniche ma uno sparuto gruppetto di fedelissimi. Virginia si deve accontentare. Eppure una sostenitrice quasi non regge all’emozione: “Oddio mi sono commossa”. Poi, i manifestanti elencano i 91 successi della sindaca. Loro ne sono al corrente, evidentemente. I romani no. Ma i cuoricini Cinquestelle battono lo stesso, all’unisono, per Virginia, protetta dal gran capo che sa che il naufragio del governo pentastellato di Roma significherebbe il naufragio di tutto il Movimento. Loro ci credono, con i loro palloncini e l’acredine verso la stampa cattiva. E al cronista che chiede: “Ma lo stadio si deve fare o no?” rispondono serafici: non ci occupiamo di calcio.  La loro missione è portare a Virginia tre parole: sole, cuore, amore.