Grave lo spezzino 25enne ricoverato per meningite. Diffuso un vademecum

È allarme alla Spezia in seguito a un caso di meningite pittosto grave: “In riferimento al caso del giovane spezzino di 25 anni ricoverato per meningite da meningococco, il giovane è dipendente di un bar situato in piazza Chiodo a La Spezia. Tutti coloro che, tra il 23 e il 30 gennaio scorso, abbiano frequentato il locale sono invitati a procedere, in via precauzionale, con la profilassi antibiotica tramite cirofloxacina mg 500 in unica dose”. Lo rende noto Regione Liguria, d’intesa con la Asl 5 spezzina, che invita ad attivarsi per la profilassi sanitaria preventiva dopo che un 25enne della Spezia nelle ultime ore è stato ricoverato per
un’infezione da meningite presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale Sant’Andrea della Spezia.

Il vademecum diffuso dalla regione Liguria

Nel vademecum Regione Liguria ricorda inoltre che devono sottoporsi a profilassi i contatti stretti del 25enne e, in particolare, coloro che nei sette giorni precedenti il ricovero abbiano condiviso l’abitazione o un ambiente di studio, ad esempio la stessa classe, o di lavoro come la stessa stanza o lo stesso mezzo di trasporto per viaggi di alcune ore. La profilassi riguarda “chi – specifica la Regione – abbia dormito nella stessa casa o mangiato allo stesso tavolo del paziente, abbia avuto contatti con la sua saliva, attraverso baci, stoviglie, spazzolini da denti, giocattoli, o abbia avuto contatti ravvicinati, per esempio in condizioni di sovraffollamento o in discoteca e chi sia stato direttamente esposto alle secrezioni respiratorie del paziente, per esempio durante manovre di intubazione o respirazione bocca a bocca”. “Solo ed esclusivamente – conclude la Regione – nel caso in cui si ritenga di rientrare in queste categorie la Asl 5 invita a
contattare il medico reperibile del servizio di igiene pubblica tramite centralino al 0187 533111 o a recarsi all’ambulatorio di via Fiume 137 alla Spezia”. Rimane critica la situazione del giovane spezzino di 25 anni. Lo fa sapere la Asl 5 Spezzino. L’azienda sanitaria comunica, inoltre, che le condizioni del ragazzo “non presentano alcun segno di miglioramento”.

(foto Secolo XIX)