Giovane pestato con una stampella per venti euro e un anello d’oro

Ancora un caso di violenza per rapina. I carabinieri di Pomezia hanno arrestato un diciottenne italiano, incensurato, e un 17enne romeno, con precedenti, con l’accusa di rapina e lesioni personali in concorso. I due giovani hanno rapinato a Pomezia, in via Filippo Re, un ragazzo di vent’anni. 

La vittima avvicinata e poi picchiata con una stampella

I due hanno avvicinato la vittima che si trovava da solo davanti a un distributore automatico di sigarette. E, dopo averlo pestato con una stampella, si sono fatti consegnare venti euro in contanti e un anello in oro. Subito è scattato il piano di ricerca dei carabinieri della Compagnia di Pomezia, allertati da una chiamata giunta al 112. La chiamata che ha permesso di rintracciare i rapinatori in via Varrone, mentre stavano fuggendo a piedi.

Pestato e rapinato, arrestati gli aggressori

Durante le perquisizioni, i carabinieri hanno recuperato l’intera refurtiva, che è stata subito restituita al legittimo proprietario, nonché la stampella utilizzata per picchiare il ragazzo. Il giovane rapinato è stato trasportato al pronto soccorso della clinica Sant’Anna di Pomezia dove è stato medicato per le contusioni riportate. Degli arrestati, il maggiorenne è stato portato in carcere a Velletri, mentre il minorenne in un Istituto Penitenziario Minorile
di Roma.