Germania, erano pronti a un attentato: arrestati un algerino e un nigeriano

Ancora allarme terrorismo in Germania. Un algerino e un nigeriano sono stati arrestati a Goettingen, perché sospettati di organizzare un attentato terroristico. I due uomini, rispettivamente di 27 e 23 anni, sono stati condotti in carcere al termine di un’operazione di polizia nella notte alla quale hanno partecipato 450 agenti. I due uomini sono stati definiti dall’intelligence tedesca “pericolosi per gli altri” e pronti a commettere in qualsiasi momento atti di terrorismo. Il capo della polizia, Uwe Luehrig , ha riferito che l’azione è stata decisa dopo che negli ultimi giorni erano state raccolte sufficienti prove della pericolosità dei due arrestati.

Terrorismo, i due erano pronti ad agire

Nel corso di una conferenza stampa, il capo della polizia di Goettingen, ha rivelato che i due sospetti preparavano attacchi simili a quelli condotti di recente in Germania da portare a
termine “in qualsiasi momento”. Secondo Luehrig, nel corso dei raid sono stati sequestrati armi e proiettili. L’algerino ed il nigeriano arrestati sono stati definiti dal servizio di intelligence interno “Gefaehrder”, termine usato per indicare le persone pronte a commettere atti di terrorismo.

Il precedente

Alla vigilia di Natale, mentre continuava la caccia all’uomo del killer di Berlino, le autorità tedesche avevano arrestato due fratelli kosovari di 28 e 31 anni. Secondo l’accusa stavano pianificando un attacco a uno dei più grandi centri commerciali della Germania, nella città occidentale di Oberhausen.