Gasparri: “Sui clandestini abbiamo solo annunci. Anche oggi 754 ingressi”

Sull’ingresso dei clandestini in Italia interviene nuovamente il senatore Maurizio Gasparri di Forza Italia: “Ma come può il governo Gentiloni ipotizzare Cie per milleseicento posti in tutta Italia quando nella sola giornata di oggi a Reggio Calabria sono sbarcati 754 clandestini? Abbiamo per l’ennesima volta la conferma che le svolte sono soltanto negli annunci ma che da un punto di vista pratico non è cambiato assolutamente nulla. Continua anzi l’aiuto agli scafisti, continuano gli sbarchi e le operazioni dissennate come Eunavfor Med. Stop ingressi. Blocco navale. Espulsioni in massa. Questa è la svolta che serve. Il resto sono chiacchiere”.

Meloni: basta porte aperte ai clandestini

Oggi a palazzo Chigi, il premier Paolo Gentiloni ha firmato con il primo ministro libico Fayez al-Sarraj un accordo sui clandestini. Al Sarraj è un premier-fantoccio che non controlla neanche la città dove risiede, Tripoli, mentre la gran parte della Libia è sotto controllo del generale Haftar e delle bande di estremisti islamici. Però la Ue ha scelto inspiegabilmente Sarraj come intelocutore di fiducia. Siulla questione è intervneuta anche la presidente di Fratelli d’Italia GIorgia Meloni: “Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha affermato che è possibile chiudere la rotta dei clandestini dalla Libia all’Italia, basta volerlo fare. È quello che Fratelli d’Italia sostiene da sempre. Domani, al Consiglio europeo, il governo italiano sostenga la proposta di un blocco navale al largo delle coste
libiche e metta fine alla irresponsabile politica delle porte aperte a tutti attuata fino ad ora”.