Gasparri: da romanista tifo Lotito pur di non far guidare la Lega a Veltroni

«Avendo mentito sull’Africa, dove annunciava di volersi ritirare dopo i suoi incarichi politici, Walter Veltroni potrebbe riscattarsi rinunciando all’ipotizzata presidenza della Lega Calcio. Intrecci tra sport e politica non sono nuovi. Ma un conto è che una persona impegnata nello sport, con un percorso chiaro e lineare, punti a degli incarichi anche se ha avuto o ha dei ruoli politici. Altro è sfruttare la propria notorietà nel mondo della politica per piombare in una realtà alla quale è estraneo». Lo afferma il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri.

Gasparri: la sinistra rinunci a questa ulteriore invasione di campo

«Mi sfuggono le ragioni che hanno portato all’ipotesi Veltroni alla Lega Calcio. C’è chi parla del tema dei diritti sportivi televisivi, del ruolo di Sky. Francamente non so se ci sia anche questo aspetto – non secondario – a influire. Fatto sta che, da romanista, questa volta
mi vedo costretto a inneggiare il presidente della Lazio, Lotito, che pare essere l’unico, nel silenzio di troppi, a dire che questa vicenda non può andare avanti». E, infine, conclude Gasparri: «La sinistra rinunci a questa ulteriore invasione di campo. Ci sono sicuramente persone nel mondo dello sport che meglio di Veltroni potranno curare gli interessi del nostro calcio. Quanto a Veltroni, potrebbe sempre unire le due sue passioni puntando alla guida della prossima Coppa d’Africa».