Fillon, i suoi lo attaccano: “Chiarisci o niente campagna elettorale”

Acque sempre più agitate nel centrodestra francese. Dopo il caso Fillon, nel partito ‘Les Républicains’ si vogliono chiarimenti. Siamo al “redde rationem”. Un gruppo di parlamentari – deputati, senatori, europarlamentari ed ex ministri – si rivolgerà oggi a François Fillon, candidato alle presidenziali travolto dallo scandalo sui presunti incarichi fittizi assegnati alla moglie ed ai figli, per fargli parte dei loro timori e chiedere come il candidato intenda procedere d’ora in avanti. 

Fillon contetato dai “Républicains”

La decisione è maturata nel corso di un incontro che ha riunito 17 persone, che si rivolgeranno al candidato in occasione della riunione settimanale del gruppo parlamentare. Tra le richieste, quella della convocazione dell’ufficio politco del partito, che non si è più riunito dal mese di novembre. “Non possiamo più fare campagna elettorale“, hanno sottolineato i parlamentari, che hanno preparato una dichiarazione e chiedono al candidato una soluzione politica. “Abbiamo constatato che non è più possibile fare una campagna elettorale, una constatazione condivisa all’unanimità”, ha dichiarato Georges Fenech – citato da Le Figaro – al termine dell’incontro. “Tutti riconosciamo la legittimità che il candidato ha tratto dalla sua vittoria alle primarie ma non possiamo ignorare che diversi elementi imprevedibili si sono verificati da allora. Per questo dobbiamo comunicare a Fillon la nostra più viva inquietudine e chiedergli cosa faremo adesso”.