Foggia, ucciso un pregiudicato. Vendetta per la morte di una bimba nel 2002?

E’ stato ucciso nella notte un pregiudicato,  Giuseppe Anastasio,  di 33 anni, di San Severo, in provincia di Foggia. L’uomo è stato raggiunto dai colpi di pistola mentre stava rincasando. Aveva diversi precedenti penali per droga e armi. Si tratta dell’ennesimo delitto che si registra dall’inizio dell’anno in ambienti criminali in provincia di Foggia.

L’uomo nel 2002 uccise per errore una bambina di 12 anni durante una sparatoria. Era il 18 giugno quando l’allora 18enne sparò alcuni colpi di pistola contro un uomo ma un proiettile  raggiunse la povera piccola. Per quell’omicidio, Anastasio fu condannato l’anno successivo a 12 anni di reclusione con il rito abbreviato. Gli inquirenti non escludono che possa trattarsi di una vendetta collegata proprio alla morte della dodicenne. 

Sarebbe il secondo caso in pochi giorni dopo la tragedia di Vasto, dove Fabio Di Lello ha ucciso a colpi di pistola il giovane, appena 22 anni, che aveva investito la moglie Roberta uccidendola.