Ecco le immagini dei pianeti “gemelli” della Terra: la ricostruzione della Nasa (video)

 

Il più grande sistema planetario mai scoperto con tanti possibili ‘sosia’ della Terra, a nemmeno 40 anni luce dalla Terra e tutti probabilmente abitabili. L’annuncio della Nasa domina tutti gli organi di stampa. Mondi che potrebbero avere acqua liquida in superficie e forse le condizioni per ospitare la vita. La straordinaria scoperta, pubblicata sulla rivista Nature, si deve a un gruppo internazionale coordinato dall’università belga di Liegi. Aumenta così anche il numero dei pianeti esterni al Sistema Solare finora scoperti. I pianeti ruotano intorno alla stella Trappist-1, molto più piccola e debole del nostro Sole. “E’ un sistema planetario eccezionale, non solo perché i suoi pianeti sono così numerosi, ma perchè hanno tutti dimensioni sorprendentemente simili a quelle della Terra”, spiega il coordinatore della ricerca, Michael Gillon. Utilizzando il telescopio Trappist, installato in Cile presso lo European Southern Observatory (Eso), i ricercatori hanno scoperto che tre dei sette pianeti dei Trappist-1 si trovano nella zona abitabile, cioè alla distanza ottimale dalla stella per avere acqua allo stato liquido. Potrebbero quindi ospitare oceani e, potenzialmente, la vita. 

I pianeti osservati con lo Spitzer dellab Nasa

Molti dei sette i pianeti di Trappist-1, osservati anche con il telescopio spaziale Spitzer della Nasa, potrebbero avere acqua liquida in superficie, anche se le distanze orbitali rendono alcuni candidati più promettenti di altri. Modelli climatici suggeriscono che i tre pianeti più interni siano probabilmente troppo caldi per avere acqua liquida. E il pianeta più esterno è probabilmente troppo distante e freddo per averne. Ma quei tre pianeti che si trovano con le loro orbite giusto nel mezzo rappresentano per gli astronomi una sorta di Santo Graal poiché hanno le condizioni ideali per poter ospitare la vita.