Dai massaggi “romantici” al sesso: sequestrati quattro centri cinesi

Sequestrati quattro centri massaggi gestiti da cittadini cinesi a Montecatini Terme, dove veniva esercitata la prostituzione con ragazze cinesi. I titolari sono stati denunciati per sfruttamento della prostituzione. I carabinieri hanno proceduto al sequestro preventivo di quattro centri massaggi, tutti ubicati nella città termale, nei quali veniva esercitata di fatto la prostituzione. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della procura della Repubblica di Pistoia Fabio Di Vizio, erano state avviate alla fine di settembre e gli investigatori, sono riusciti, come hanno spiegato, «a superare l’inevitabile e generalizzata omertà della clientela, raccogliendo in circa tre mesi di pazienti attività, varie e circostanziate informazioni su quanto accadeva all’interno di questi particolari esercizi».

Finti centri di massaggi “romantici”

È stato così appurato che nei quattro centri, dove venivano ufficialmente praticati una serie di massaggi rilassanti definiti “romantici”, i clienti potevano ottenere anche prestazioni sessuali, previo il pagamento di un sovrapprezzo da 20 a 50 euro, che venivano assicurate dalle titolari o da loro dipendenti, tutte di nazionalità cinese. Le attività venivano pubblicizzate sia attraverso inequivocabili annunci internet che mediante inserzioni su quotidiani locali, con fotografie di giovani ed attraenti ragazze semivestite. I clienti venivano generalmente “invogliati” dalle stesse “operatrici” a passare dal semplice massaggio alle prestazioni sessuali.