Ceuta, nuovo assalto di centinaia di clandestini all’enclave spagnola

Centinaia di clandestini hanno preso d’assalto stamani la barriera di sicurezza che separa il territorio marocchino dall’enclave spagnola di Ceuta. Secondo le notizie
riportate dalla Bbc, circa 300 persone sarebbero riusciti a superare il confine. Durante gli incidenti diversi clandestini sarebbero stati feriti, mentre tre agenti della Guardia Civil spagnola sono stati condotti in ospedale. Molti dei clandestini che hanno tentato di scavalcare le reti di protezione sono stati respinti dagli agenti della sicurezza marocchini.

A dicembre a Ceuta passarono 400 clandestini

Ceuta e Melilla sono due enclavi spagnole in territorio del Marocco e sono le uniche frontiere che la Ue ha in Africa. Sono protette da reti metalliche altre sei metri e sottoposte a una intensa vigilanza sia da parte della polizia spagnola che da quella marocchina, ma questo non scoraggia i clandestini dal tentare di passare ogni qual volta se ne presenti l’occasione. Non è la prima volta che i clandestini danno l’assalto alle barriere. L’ultima è avvenuta solo due mesi fa, quando 800 persone hanno tentato di scavalcare le recinzioni, anche se non tutti ce l’hanno fatta. Oltre 400 comunque riuscirono a entrare in territorio spagnolo e sono stati subito catturati e rinchiusi nei centri di detenzione in attesa di rimpatriarli. Altri 300 invece furono arrestati dai marocchini.