Bersani: il popolo non ci sopporta più, stiamo attenti che la destra arriva

Non è stato un intervento contro Matteo Renzi, quello di Pierluigi Bersani alla direzione del Pd. Più che altro un grido di dolore sulle tante cose che non vanno nel Pd. Un grido d’allarme, anche se Bersani ha subito chiarito che sul congresso “cotto e mangiato” non è d’accordo. Lui vuole un confronto vero. In primo luogo sulla crisi di consensi, un tasto dolente che Bersani ha squadernato con toni critici: “Non sto dicendo di chi è la colpa ma vogliamo essere d’accordo nel dire che dalle regionali alle amministrative al referendum, un pezzo della nostra gente, un pezzo di popolo si è allontanato da noi? E’ vero o no che una parte di popolo non ci sopporta?”.  E ancora: “Dobbiamo approfondire, riflettere, correggere. Senza abiure vogliamo dare un messaggio di ‘ricevuto’ da qui a quando si andrà a votare?”.

Bersani: se andiamo avanti così la destra arriva 

Bersani è “preoccupato”. “Noi – ha aggiunto – dobbiamo prendere delle decisioni. Per noi e per l’Italia perché stiamo governando questo Paese. Quante cose vorrei replicare a quanto detto da Matteo. Ma il passaggio è serio e io salto su un altro registro. Vorrei provare a vedere se, a prescindere da questi tre anni, noi a questo tornante troviamo qualcosa che ci tenga assieme“. E questo collante non può più essere “quello dei primi anni Novanta del merito, dell’eccellenza. Non c’è niente da rinnegare, ma ora è cambiata la fase. Il lavoro è diventato vago, umiliato. Le diseguaglianze non le digerisci. Se andiamo avanti così la destra arriva. Noi non accoltelliamo alle spalle, avvertiamo che la destra arriva“. A Renzi, infine, Bersani ha chiesto di non lavorare sotto traccia per il voto anticipato: “Occorre garantire la conclusione naturale della legislatura. Lasciare l’interrogativo e la spada di Damocle sul nostro governo, magari con le dimissioni in streaming, non possiamo. Dobbiamo dire qualcosa di preciso, e dobbiamo dirlo qui. Noi veniamo dopo il Paese. Non si possono dire cose sibilline, va fatta chiarezza”.