“Bastardo”. Consigliera di De Magistris minaccia Salvini, ma se non dici “patata”…

“Te la diamo noi una lezione, bastardo, ti aspettiamo». La consigliera della lista Insurgencia (legata ai centri sociali di sinistra), Eleonora De Majo, che sostiene in maggioranza il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ha annunciato così, su Facebook, la sua intenzione di accogliere Matteo Salvini a Napoli il prossimo 11 marzo. «Mi insulta e mi minaccia, ma non mi fa paura, mi fa pena…», ha replicato il leader della Lega, confermando il suo appuntamento napoletano. E lei ha insistito: «Pare che abbiamo colpito nel segno! Pena o paura a Napoli non c’è spazio per fascismo, razzismo e leghismo! Per te è già pronto un gigantesco decreto di espulsione! Ci vediamo l’11 piccolo inutile frustrato!». Quanto basta per non far indignare nessuno, né De Magistris né gli “indignados” della patata, che si erano scandalizzati per l’offesa sessista di “Libero” al sindaco di Roma Virginia Raggi.

Minacciare Salvini non è reato?

«Le minacce rivolte a Matteo Salvini da parte di un componente del Consiglio comunale di Napoli sono di una gravità assoluta», dichiara Gianluca Cantalamessa, coordinatore regionale campano di Noi con Salvini. «Oltre a ricordare che Salvini è un componente del Parlamento Europeo,
un segretario di partito e un futuro candidato alla presidenza del Consiglio dei ministri – aggiunge Cantalamessa – vorrei ricordare che è anche un semplice cittadino italiano oltre che un padre di famiglia. Se questo è il clima con il quale la maggioranza in comune, e quindi il sindaco de Magistris, intende accogliere Matteo Salvini, sia chiaro sin da subito che intendiamo prendere le distanze dalle provocazioni ma, al tempo stesso, non possiamo e non vogliamo ignorare il pericolo per l’incolumità delle persone perbene e libere che parteciperanno alla manifestazione del prossimo 11 marzo a Napoli». «Dopo l’indignazione democratica per i titoli di Libero sulla Raggi, mi aspetto che la comunità democratica si stringa in un abbraccio di solidarietà al leader della Lega, Matteo Salvini, definito bastardo dalla signora de Majo, consigliere comunale di Napoli e sodale del sindaco arancione De Magistris”», aggiunge invece il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi