A 83 anni uccide la moglie mentre fa colazione: La Spezia sotto choc

Ha ucciso la moglie al culmine di una lite e poi si è consegnato alle forze dell’ordine. È successo a La Spezia dove mercoledì mattina un 83enne ha ucciso la moglie, una donna di 78 anni, dopo un diverbio nato all’interno del loro appartamento nel quartiere Rebocco. La lite, secondo le prime informazioni, sarebbe stato generata da ragioni economiche. L’uomo, Loreno Ruffini, dopo l’omicidio della moglie, Rosanna Fortunato, si è consegnato ai carabinieri. In corso indagini da parte del nucleo investigativo dei carabinieri della compagnia di La Spezia.

A 83 anni uccide la moglie per una lite

L‘uxoricida si è presentato intorno alle 8 alla caserma dei carabinieri del Comando provinciale di La Spezia dichiarando, spontaneamente, di aver ucciso poche ore prima la moglie, mentre stavano facendo colazione nel loro appartamento in provincia di La Spezia. I militari sono intervenuti nell’abitazione dei due anziani, nel quartiere cittadino della Rebocca. Sul posto anche il 118, allertati anche dalle forze dell’ordine, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna. Secondo le prime informazioni non sarebbero state trovate tracce di armi in casa. «I rapporti erano buoni – racconta una vicina di casa – mai uno screzio, li vedevo sempre assieme ed erano affiatati, lui era molto attaccato alla moglie, e alla famiglia. È una tragedia inspiegabile. Per me Rosanna era come una sorella. Quando ho visto l’ambulanza credevo a un malore, non a una tragedia simile. Una donna forte, entusiasta della vita. Non immaginavo che ci fossero problemi», spiega in lacrime la signora.