Ritrovata Valeria, la quindicenne scomparsa a Palermo. Era in stazione

Una quindicenne era scomparsa a Palermo per due giorni finché non è stata ritrovata dai carabinieri mentre vagava per la stazione del capoluogo siciliano. Di lei si erano perse le tracce lunedì mattina. Uscita da casa per andare a scuola, il liceo classico Umberto I di via Filippo Parlatore, Valeria V. non era mai entrata in classe. Sono ore di ansia  per i familiari della ragazza, ore di appelli disperati anche sui social. A denunciarne la scomparsa era stata la madre, originaria di Praia a Mare (in provincia di Cosenza) ma residente nel capoluogo siciliano. Agli investigatori la mamma di Valeriain lacrime ha riferito di aver trovato a casa il cellulare della figlia e un foglietto nel quale la ragazzina tranquillizzata i parenti sul suo allontanamento volontario. Un gesto premeditato dunque.

Ritrovata Valeria la quindicenne scomparda

La quindicenne, uscita da casa per andare a scuola, il liceo classico Umberto I di via Filippo Parlatore, non era mai entrata nell’istituto. La giovane che non ha portato con sé il telefono cellulare, lungo la strada aveva chiesto ad un amico, incontrato casualmente, di essere accompagnata alla stazione. I genitori preoccupatissimi  avevano invitato chiunque avesse visto la figlia, di rivolgersi ai carabinieri. Un appello è stato rivolto anche agli amici e ai compagni di classe, affinché, se a conoscenza delle intenzioni di Valeria, mettessero subito al corrente le forze dell’ordine. Numerosi pure gli appelli lanciati anche sui social per rintracciare la quindicenne. Immediate sono scattate le ricerche, che si sono concluse fortunatamente con successo.