Trump lavora gratis, Obama fa il baby-pensionato d’oro a 200mila dollari l’anno

Se Donald Trump ha annunciato che farà il presidente degli Stati Uniti praticamente gratis e che anche dopo non beneficerà della previdenza, il suo predecessore esce di scena con una pensione d’oro che non è esattamente in linea con il profilo sobrio incarnato da Barack Obama nel corso del suo mandato. Ma si sa, i soldi non puzzano a nessuna latitudine, tantomeno quando si lascia la Casa Bianca e ci si gode finalmente la vita. E la pensione, che Obama inizierà a incassare a soli  55 anni, alla faccia di tanti suoi concittadini.

Quanto incasserà Barack Obama

Il presidente uscente degli Stati Uniti percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all’anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, ma potrà godere anche di tanti benefit in stile “casta”:  scorta a vita, rimborsi per spese per viaggi, ufficio nonché “Obama care“, la sua stessa assicurazione sanitaria che Trump sta cancellando. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza e risalgono al 1958., il “Former Presidents Act” Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all’anno. 

I tour milionari degli ex presidenti americani

Ma non è solo la pensione d’oro a far felici gli ex presidenti degli Stati Uniti, che a quell’introito aggiungono sempre i ricchi cachet che gli arrivano dagli inviti a partecipazione a conferenze, e così sarà anche per Obama, che girerà il mondo come una star a dispensare la sua verità. Negli anni scorsi Bush jr. ha intascato 15 milioni di dollari solo per le conferenze e pubbliche partecipazioni, mentre Bill Clinton 10 milioni. Ma nessuno neanche loro, come del resto Obama, fa a meno del “Former Presidents Act”, quello che garantisce la pensione d’oro in tenera età…