Sisma, ancora ritardi. Curcio alza la voce e chiama in causa Zingaretti

La protezione civile interviene sulla questione dei Mapre, i moduli provvisori per gli allevatori che o sono in ritardo o, come ha denunciato il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, sono risultati strutture abitative usate nel caso di Amatrice. 

Ma il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio punta l’indice contro le Regioni, in particolare contro Nicola Zingaretti, presidente del Lazio: “Ho chiesto al Presidente Zingaretti – spiega Curcio – di intervenire immediatamente sulla situazione dell’installazione dei Mapre, i moduli per gli allevatori, dato che la Regione Lazio, così come le altre Regioni sui rispettivi territori, ha la responsabilità di monitorare passo passo i lavori, il rispetto dei requisiti e delle tempistiche previsti dai capitolati”.

“Per tutte le carenze riscontrate rispetto agli standard messi a gara – continua Curcio – è indispensabile che la Regione avvii tempestivamente, nei confronti delle ditte, ogni possibile iniziativa per tutelare i diritti dei cittadini”. Dunque se gli accordi sono stati disconosciuti e se le lungaggini stanno mettendo a dura prova gli allevatori colpiti dal sisma, sembra voler dire Curcio, la colpa è delle Regioni che non stanno ottemperando ai loro doveri.