Si scrive Roma, si legge Bronx: 7 borseggiatori arrestati in poche ore

Si scrive Roma, si legge Bronx: furti e scippi in quantità industriali. Per fortuna, l’attività di repressione delle forze dell’ordine funziona ancora: in poche ore, infatti, sono stati ammanettate sette borseggiatori, tutti denunciati. In particolare i Carabinieri del nucleo scalo Roma Termini hanno arrestato un 19enne cittadino marocchino, senza fissa dimora e con precedenti, sorpreso all’interno di un negozio della Stazione ferroviaria. Aveva appena sfilato dalla borsa di una turista cinese lo smartphone ed il portafogli con 700 euro, immediatamente recuperati e riconsegnati al legittimo proprietario.

I borseggiatori erano tutti stranieri

Stessa sorte, ad opera degli stessi militari, toccava poco dopo, questa volta nella vicinissima via Giolitti, ad un cittadino algerino di 43 anni, con precedenti. È stato arrestato subito dopo aver rubato il portafogli con i soldi dalla borsa, ad una turista straniera. E non è finita: i servizi antiborseggio dei Carabinieri del comando provinciale di Roma sono infatti proseguiti senza sosta nelle vie dello shopping, nei pressi dei luoghi monumentali e a bordo dei mezzi pubblici. A finire in manette ancora un borseggiatori algerino, 47enne, arrestato dai Carabinieri del comando Roma di Piazza Venezia. Anche in questo caso, l’arrestato aveva precedenti penali. È stato sorpreso in via Vicenza subito dopo aver sfilato il portafogli dallo zaino di un turista australiano.

Brillante azione dei Carabinieri della Capitale

Infine i Carabinieri della stazione di Roma San Pietro hanno arrestato quattro nomadi borseggiatori, rispettivamente di 17, 18, 22 e 31 anni, tutte già note alle forze dell’ordine e domiciliate presso l’insediamento di via Pontina, bloccate a bordo del tram 8, all’altezza della circonvallazione Gianicolense, subito dopo aver rubato il portafogli ad un turista belga. Tutti i borseggiatori fermati dai Carabinieri dovranno rispondere di furto aggravato.