Salvini in Abruzzo: “Gentiloni va dalla Merkel, io sto coi terremotati”

Matteo Salvini è andato in Abruzzo per fare visita ai luoghi colpiti dal terremoto. «In queste ore drammatiche, Gentiloni era a pietire dalla Merkel la possibilità di non mettere ulteriori tasse per rientrare nei parametri Ue. La politica è lontana anni luce da problemi paese», afferma il segretario federale della Lega Nord in collegamento con Radio Padania.

Salvini incontrerà molti sindaci dei paesi colpiti

Gli incontri previsti in giornata, (“Tempo permettendo”, scrive Salvini su Facebook), sono a Pescara, Montesilvano, Penne, Atri, Teramo, Isola del Gran Sasso, L’Aquila e Alta Valle Aterno. Il leader della Lega Nord ha sentito diversi sindaci dei piccoli paesi dell’Abruzzo: “Mi hanno detto ‘nessuno ci ascolta e nessuno sa cosa facciamo’. Da parte nostra possiamo sollecitare, ho cercato di capire come poter essere utile”. Ad esempio, “stiamo pressando Enel perché riporti il prima possibile l’energia elettrica nelle migliaia di case in cui manca da giorni”, dice Salvini. Oggi la Lega “chiederà al governo di stanziare 100 milioni di euro per gli interventi urgenti nelle aree colpite».

Forza Abruzzo: l’iniziativa di Salvini annunciata su Fb

Subito dopo le scosse di terremoto di mercoledì mattina, il leader della Lega ha annunciato su Facebook l’intenzione di portare la sua solidarietà ai terremotati dalla zone. «Ho cambiato tutti i miei programmi – ha postato Salvini sulla sua bacheca – e ho deciso di essere in Abruzzo, a Pescara, Teramo e L’Aquila, per incontrare e aiutare i cittadini isolati, colpiti da neve, gelo, esondazioni e terremoto».