Roma choc, scaraventa la moglie dalla finestra la notte di Capodanno

Un Capodanno….col botto. Si potrebbe fare dell’ironia a buon mercato se l’evento non fosse tragico, allucinante. Dopo un’infinita serie di brindisi, i fuochi e una lite furibonda, alle quattro della notte un colombiano che vive a Torre Angela, periferia sud-est della Capitale, ha alzato di peso la moglie e l’ha scaraventata giù dalla finestra del terzo piano. Un volo di una decina di metri fin sul solaio di un garage sottostante che è costato alla poveretta, ora ricoverata in ospedale, la frattura delle gambe e delle ossa del bacino. Il Messaggero on line fornisce i particolari

Roma choc: l’uomo ha tentato di barricarsi in casa

«Così mi libero dei miei guai una volta per tutte», deve avere pensato, assai poco lucidamente e in preda all’ira, prima di mettere in atto il folle piano. Erano le quattro del mattino in via Jacopo Torriti, nel dedalo di palazzine tirate su negli anni ‘50 e ‘60 a Roma. «In quell’appartamento i “botti” ci sono stati sul serio – hanno raccontato i vicini alla polizia accorsa sul posto – perché si sentiva urlare, devono essersi massacrati, lui gliele stavano dando di santa ragione». La donna, 43 anni, è stata soccorsa dai vigili del fuoco che l’hanno imbracata fino all’ambulanza. Era cosciente ma dolorante e sotto choc. I poliziotti hanno trovato il marito fuori di sè. L’uomo ha anche provato a barricarsi in casa e a opporre resistenza prima di finire in commissariato accusato di lesioni e maltrattamenti in famiglia.