Ritrovato Andrea, lo studente sparito a Barcellona: è ricoverato in ospedale

Era sparito la notte del 30 dicembre a Barcellona. Dopo tre giorni di blackout Andrea Freccero, è stato ritrovato. Lo studente di 19 anni, di Albisola Superiore è ricoverato nell’ospedale della città spagnola ed è in buone condizioni. Accanto a lui ci sono il fratello e la madre.

Andrea era vittima di un’aggressione

Come si legge su La Stampa.it, la famiglia ha pubblicato la notizia del ritrovamento su Facebook. «La polizia spagnola ci ha contattato», ha scritto il fratello Luca sul social network. «Andrea è stato trovato. Dalle prime informazioni sembra sia stato ricoverato a seguito di un’aggressione la notte di Capodanno. Sta abbastanza bene, stanco e un po’ in shock per l’accaduto. Ma nel complesso bene. Un ringraziamento speciale va a tutte le persone che si sono mobilitate per le ricerche. Alla polizia spagnola e alle autorità italiane. Al preziosissimo supporto della stampa e dei media, al tour operator che ci ha assistito qui a Barcellona e in generale a chiunque si sia interessato al caso». Lo studente era sparito alle 4 di notte del 30 dicembre. Andrea Freccero era a una fermata del taxi vicino al Casinò e poco distante dalla discoteca Cat Walk.  E da quel momento non aveva dato più notizie. I suoi familiari preoccupati per il suo silenzio avevano lanciato un appello su Facebook con la sua foto, i suoi dati, le indicazioni dove era stato visto l’ultima volta.

La ricostruzione

Un ragazzo genovese lo aveva visto e gli aveva anche parlato. Il giovane studente di Albissola avrebbe detto di aver perso i contatti con il suo gruppo ma non avrebbe chiesto alcun tipo di aiuto. Il giovane, visto l’appello lanciato dai familiari di Andrea Freccero su Facebook, si era messo in contatto con il fratello. I due si erano anche sentiti per telefono. I familiari dello studente si erano subito messi in contatto con il consolato italiano a Barcellona e avevano incontrato i responsabili della polizia. Poi il ritrovamento.