Rissa tra immigrati, un nigeriano accoltella un connazionale: arrestato

Un nigeriano di 32 anni, Omokhe Collins, è stato arrestato per avere aggredito un suo connazionale. L’accusa è di aver provocato lesioni personali aggravate e per avere aggredito per futili motivi. I carabinieri sono intervenuti lunedì pomeriggio in via Cirillo a Castevetrano dove era stata segnalata la rissa. Gli investigatori hanno trovato quattro cittadini di origine nigeriana, due dei quali con profonde ferite di arma da taglio alle mani. In particolare, Collins brandiva due grossi coltelli da cucina, solitamente utilizzati per tagliare la carne, ancora sporchi di sangue.

Il nigeriano ha aggredito prima con una bottiglia rotta

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo avrebbe aggredito un connazionale per motivi economici con una bottiglia di vetro rotta e poi avrebbe cercato di sferrargli una coltellata allo stomaco. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha evitato il peggio. La vittima
e l’aggressore sono stati condotti al pronto soccorso per le cure del  caso. Il 32enne è stato poi dichiarato in arresto. Dopo il rito direttissimo e la convalida dell’arresto è stato rimesso in libertà.

Il precedente

Non è la prima volta che a Castelvetrano scoppino risse tra extracomunitari. Un anno fa tre immigrati africani ospiti del centro di accoglienza «Acos» di Marsala eranostati arrestati dalla polizia per rissa e lesioni aggravate. Due erano cittadini del Mali e un altro era proveniente dalla Nigeria.