Primi raid aerei congiunti Usa-Russia contro obiettivi dell’Isis in Siria

L’aviazione militare russa ha compiuto ieri sera per la prima volta un raid aereo in Siria assieme alle forze della coalizione internazionale a guida Usa. Assieme vuol dire che per la prima volta gli aerei russi hanno utilizzato le coordinate fornite dalla coalizione a guida americana. Lo ha annunciato il ministero russo della Difesa, citato dall’agenzia russa Interfax. Il raid aereo ha avuto per obiettivo alcuni depositi strategici dell’Isis vicino al Bab, nel governatorato di Aleppo. “Due aerei da guerra russi e due aerei della coalizione internazionale hanno compiuto un raid contro strutture terroristiche”, è stato spiegato in un comunicato, precisando che sono stati distrutti depositi di munizioni e carburante, nonché varie attrezzature militari.

I raid russi proseguiti anche oggi

Oggi, invece, riferisce Sputnik news, sei bombardieri a lungo raggio Tu-22M3, decollati dal territorio russo, hanno effettuato dei raid contro obiettivi dello Stato Islamico nella città siriana di Deir ez-Zor, come comunica il ministero della Difesa russo. Il “23 gennaio 2017 sei bombardieri a lungo raggio Tu-22M3, decollati dalla Russia, dopo aver sorvolato Iran e Iraq, hanno bombardato dei punti di comando, depositi di munizioni e di armi dei militanti dello Stato Islamico nella regione del centro abitato di Deir ez-Zor” comunica il dipartimento della difesa. I bombardieri sono stati scortati dai caccia Su-30SM e Su-35C; dopo la missione tutti i velivoli dell’aviazione russa sono tornati alla base, fa spaere il dicastero.