Pensionato truffato, narcotizzato e rapinato da 3 finti agenti immobiliari

Una truffa organizzata nei minimi dettagli: con tanto di complici e di sceneggiatura criminale. Un copione preparato e studiato ad arte, quello della rapina compiuta ai danni di un pensionato torinese 80enne, narcotizzato e derubato da un gruppo di malviventi che si erano presentati sotto mentite spoglie.

La truffa al pensionato degenera in rapina

Tutto è cominicato nel novembre scorso, con la messa in vendita di una casa in campagna: così, quando lo sventurato pensionato ha ricevuto la telefonata da un uomo che, qualificandosi come agente immobiliare, ha manifestato interesse a vedere l’appartamento, l’anziano era ormai convinto di aver trovato gli acquirenti per la sua dimora in campagna mentre, invece, si è ritrovato ad essere vittima di una trappola tesa da una banda di rapinatori che l’hanno sequestrato e narcotizzato, lasciandolo privo di sensi sul pavimento di casa. 

Narcotizzato e derubato di soldi, auto e chiavi di un appartamento 

Ricostruendo la vicenda, allora, gli investigatori hanno appurato che, una volta fissato l’appuntamento per il giorno successivo con il fantomatico agente immobiliare, non appena il pensionato è entrato in casa con i tre finti clienti è stato bloccato e narcotizzato. Al risveglio, un paio di ore dopo, stordito e dolorante, si è reso conto che, nell’arco di tempo in cui lui aveva perso i sensi, i tre finti agenti immobiliari hanno fatto in tempo a rubargli 600 euro, la Panda e le chiavi dell’appartamento a Torino, dove peraltro i tre hanno tentato di entrare, salvo poi essere dissuasi dall’allarme.