Panico a Genova: in auto punta pistola contro i passanti. Ma è un giocattolo

Metti una sera in giro con gli amici a puntare una pistola contro i passanti. È successo a Genova, dove un 20enne è stato denunciato per procurato allarme: l’arma era un giocattolo, ma le ignare vittime della minaccia non potevano saperlo. 

Panico tra i passanti

A far scattare l’allarme è stata la denuncia di un autista di autobus, che, in pieno centro, dal suo mezzo aveva notato il passeggero di una macchina che teneva in mano una pistola. Dopo qualche metro percorso affiancati, l’autista ha visto il passeggero dell’auto puntare l’arma contro i passanti. Tra le vittime dello “scherzo” anche una ragazza che, credendosi in pericolo, ha cercato riparo. 

La pistola era un giocattolo

Chiamate sul posto, le forze dell’ordine hanno iniziato le indagini del caso e, dalle testimonianze, hanno ricostruito che sull’auto c’erano tre persone. La macchina è stata poi ritrovata, regolarmente parcheggiata, nel quartiere Sturla. Intestata a una società di leasing, è risultata in uso al figlio dell’uomo che l’aveva noleggiata, un 20enne incensurato. Nell’auto, sotto a un sedile, è stata ritrovata la pistola, un giocattolo in tutto e per tutto simile a una semiautomatica. Il ragazzo ha raccontato che si era trattato di una bravata: in serata si era incontrato con due amici e uno aveva portato la pistola finta, che «per gioco» avevano deciso di puntare contro i passanti. Un racconto confermato anche dai due amici.