Palermo, celebrata la Giornata del merito in ricordo di Norman Zarcone

Ricordare Norman e il suo impegno e ribadire l’importanza del concetto di meritocrazia. E’ questo l’intento della “Giornata del Merito” celebrata oggi a Palermo nel giorno della nascita di Norman Zarcone, il giovane dottorando che il 13 settembre di sette anni fa si tolse la vita gettandosi da una finestra della facoltà di Lettere e Filosofia per protestare contro il mancato riconoscimento del merito nel mondo accademico. “Nel giorno in cui è nato Norman Zarcone – ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando partecipando alla cerimonia presso la rotonda di via San Giovanni di Dio intitolata al ragazzo – anche quest’anno l’amministrazione comunale celebra la giornata del merito per non dimenticare la sua figura e per non dimenticare che il merito troppe volte è mortificato da logiche di appartenenza o da sterili imposizioni”.

Numerose iniziative per ricordare Norman

Con il sindaco erano presenti, fra gli altri, familiari e amici di Norman, il presidente della II Circoscrizione Antonio Tomaselli e il segretario dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia Filippo Mulè. “Voglio ringraziare il sindaco per questo nuovo attestato di presenza a favore della meritocrazia e non alle logiche di appartenenza – ha detto il papà di Norman, Claudio Zarcone – La presenza di tutti noi è anche un segnale di accusa verso tutti coloro anche all’interno di altre istituzioni che si nascondono dietro i propri silenzi e dietro l’indifferenza”. La Giornata del Merito ha visto anche inaugurare, presso l’associazione Ennezeta – una mostra degli strumenti musicali di Norman con l’ascolto di alcuni brani composti da lui e la proiezione, alle 16, presso il cinema De Seta ai Cantieri Culturali della Zisa, del filmato su Norman Un cielo senza stelle, realizzato dai suoi amici. A seguire un dibattito dal titolo La scelta con lo psicologo Angelo Scuderi e il giornalista Claudio Zarcone, padre di Norman, e un concerto finale.