Nuovo disco di Fedez e J-Ax: noi comunisti col rolex? Sì, ma onesti

Esce oggi  ‘Comunisti col Rolex‘, l’album nato dalla collaborazione di J-Ax & Fedez. La coppia di artisti, per la prima volta insieme, da vita ad un disco che unisce i loro mondi, gusti e influenze musicali. Distribuito da Sony Music, contiene 16 brani inediti, con la partecipazione di Alessandra Amoroso, Arisa, Loredana Berté, Alessia Cara, Giusy Ferreri, Nek e Sergio Sylvestre, Stash (The Kolors) insieme a Levante.

Il titolo del disco 

Il titolo richiama il modo in cui i critici del duo hanno messo in luce le contraddizioni di due artisti molto ricchi ma che fanno musica cosiddetta “impegnata”: comunisti col rolex, appunto. “Ci hanno chiamato spesso ‘Comunisti col Rolex’, come a voler mettere in risalto una contraddizione che non esiste. Un modo per indebolire le nostre posizioni, facendo leva sull’ipotetica incoerenza di due artisti che pur guadagnando bene continuano a trattare tematiche sociali. Si tratta della polemica annosa, e tutta italiana, del ‘cuore a sinistra e portafogli a destra‘ – raccontano i due artisti – Ecco, per noi ‘Comunisti col Rolex’ non significa incoerenza, ma merito. È la dimostrazione che in Italia ci si può ancora arricchire onestamente. Ed è una cosa di cui andiamo fieri“.

Bersagli polemici 

 Il disco è un alternarsi di suggestioni: dalla visione introspettiva dei proprio sentimenti in ‘Assenzio’, alla globalizzazione e la standardizzazione dei trend in ‘Tutto il mondo è periferia’, passando ad un’analisi positiva del proprio paese, che tanto ha permesso di ottenere ad entrambi, in ‘L’Italia per me’. Ma il disco è anche polemico con vari personaggi: Salvini, Jovanotti, Che Guevara e Fidel Castro. ma ce n’è anche per Tiziano Ferro. Quanto alla politica, J-Ax dice di essere partito comunista ma di credere ora nel capitalismo anche se “quello di oggi non è sano”. Fedez si dichiara “grillino” anche se “ci sono cose che non mi piacciono”.