Musumeci: “La riforma delle Province è fallita, si torni al voto diretto”

“Ormai è chiaro a tutti. La riforma delle Province voluta dal centrosinistra in Sicilia è stata un fallimento. Restituiamo la guida delle Province ai presidenti eletti dal popolo”. Lo dice l’esponente dell’opposizione all’Assemblea regionale siciliana, Nello Musumeci (il primo presidente di una Provincia siciliana scelto con l’elezione diretta), per il quale “da tre anni le Province sono condannate alla paralisi dalla viabilità alla edilizia scolastica superiore, fino ai servizi per studenti disabili, mentre persino lo stipendio per i dipendenti è diventato quasi una chimera”.

Le Province sono del tutto paralizzate

Il parlamentare lancia così un appello alla maggioranza di centrosinistra che lo scorso anno ha votato a Palazzo dei Normanni la riforma dell’ente intermedio, stabilendo la elezione di secondo grado. “Si torni all’Ars a votare la controriforma, ossia la elezione diretta del presidente con il coinvolgimento del popolo – dice -. L’unico modo per tagliare le unghie ai partiti bramosi di potere che sono tornati a occupare le istituzioni mentre mai come adesso serve far sentire la gente protagonista delle proprie scelte”.