Messico, sparatoria in discoteca, anche un italiano tra le cinque vittime

Sparatoria in Messico, ignoti i motivi. E c’è un italiano tra le vittime. Sarebbero almeno 5 morti di due diverse sparatorie segnalate in due club della turistica Playa del Carmen, in Messico, dove era in corso la serata conclusiva del Bpm music festival. Secondo i tweet di alcuni dj presenti e di testimoni oculari, la prima sparatoria è avvenuta al Blue Parrot Club, mentre la seconda al The Jungle, dove era in corso un altro evento legato al festival. Il DJ scozzese Jackmaster è stato il primo a twittare: “Qualcuno è entrato nella discoteca di Playa Del Carmen ed ha aperto il fuoco. 4-5 i morti e molti i feriti”. Immagini video presumibilmente riprese nel Blue Parrot mostrano la folla che fugge dal locale. Le notizie sono ancora poche e confuse. Giunto alla sua decima edizione, il Bpm festival è molto popolare tra i turisti stranieri e attira migliaia di appassionati di musica elettronica di tutto il mondo. Le sparatorie nei club messicani non sono insolite e sono spesso legate alla presenza di membri delle gang criminali locali. Secondo quanto riferito da un poliziotto alla tv Milenio, la sparatoria è scoppiata a causa di “un diverbio tra persone che si trovavano all’interno” del locale e che le guardie di sicurezza sono rimaste coinvolte quando hanno tentato di aver bloccare la lite. Secondo quanto si legge sul sito di La Nacion, tra le vittime ci sarebbero oltre a un italiano, anche due canadesi e un colombiano.

Messico, la Farnesina cerca di capire chi fosse l’italiano

Ci sono anche tre stranieri tra le vittime della sparatoria. Lo ha dichiarato Cristina Torres, sindaco di Solidariedad, il comune che comprende la rinomata
località balneare sul Mare Caraibico. Quindici invece le persone rimaste ferite, alcune nella fuga precipitosa seguita agli spari. “Per il momento abbiamo indicazioni che ad aprire il fuoco sia stata una sola persona”, ha detto Torres ai media locali, aggiungendo che le autorità stanno contattando i consolati di Stati Uniti, Canada e Colombia per fornire informazioni sulle condizioni dei loro cittadini. Il sindaco ha spiegato che la sparatoria è avvenuta all’interno del club, anche se i dettagli specifici di ciò che è accaduto non sono ancora conosciuti e altre versioni parlano di spari all’ingresso del locale e guardie di sicurezza tra le vittime. Vi sarebbe anche un italiano tra vittime. È quanto hanno reso noto le autorità locali, citate dal Guardian, secondo le quale tra le vittime vi sarebbero due canadesi, un italiano ed un colombiano.  La Farnesina – a quanto si apprende – sta verificando con le autorità messicane la notizia dell’eventuale presenza di un italiano tra le vittime della sparatoria.