La vendetta dell’Isis su Baghdad per le ultime vittorie dell’esercito iracheno

Almeno 11 persone sono state uccise e altre dieci ferite a causa di un ennesimo attacco suicida a Baghdad. Un’autobomba è infatti esplosa nella parte orientale della capitale irachena in mattinata, vicino al mercato ortofrutticolo Jamila nel quartiere di Sadr City, quando un soldato a un posto di blocco ha aperto il fuoco su un’auto sospetta. L’attentatore suicida, però, è riuscito a fare esplodere l’auto. L’attacco non è ancora stato rivendicato ma gli inquirenti puntano il dito sullo Stato islamico. L’autobomba è esplosa nella parte orientale della capitale irachena quando un soldato a un posto di blocco ha aperto il fuoco su un’auto sospetta.

Baghdad al centro del mirino dell’Isis negli ultimi giorni

Poche ore fa le forze irachene hanno riconquistato il villaggio nel nord dell’Iraq di cui i militanti dell’Isis avevano preso il controllo qualche ora prima in un contro attacco a sorpresa. Lo hanno reso noto fonti della sicurezza, secondo cui i militari, con il sostegno degli elicotteri, hanno cacciato i militanti dal villaggio di Abu Dalf, nella provincia settentrionale di Salah al-Din. Negli scontri sono morti otto soldati, tra cui due alti ufficiali, e sei combattenti dell’Isis. “La situazione è completamente sotto il controllo delle forze di sicurezza”, ha riferito una fonte. Come si ricorderà, appena due giorni fa cinque civili sono rimasti uccisi e sette feriti dall’esplosione di un’autobomba nel quartiere di Abadi, nella zona orientale di Baghdad. Lo ha reso noto il portavoce del ministero dell’Interno iracheno, Saad Maan, precisando che un’autobomba ha colpito “una folla di cittadini”. Baghdad negli ultimi giorni è stata teatro di una nuova ondata di attacchi. Il più grave risale a lunedì scorso, quando un terrorista si è fatto saltare in aria uccidendo 35 persone. L’attentato in questione è stato rivendicato dal sedicente Stato islamico.