La polizia irrompe in una casa a luci rosse in pieno centro a Ragusa (video)

Gli agenti di polizia hanno chiuso la prima casa a luci rosse del 2017 a Ragusa in Vai Bosisio, una traversa del centralissimo Corso Italia. L’operazione è stata avviata in seguito ad una segnalazione di un cittadino.

Casa a luci rosse, la scoperta

Come riportano i quotidiani locali, gli agenti hanno immediatamente avviato gli accertamenti e dopo qualche giorno di controllo, è stato verificato che nella casa accadeva quel che era stato segnalato dal cittadino. Un uomo, un anziano residente nella zona, dopo essere entrato nell’appartamento, era uscito dopo poco e per questo era stato identificato dalla Squadra Mobile che si era appostata sotto casa. L’anziano, quasi ottantenne, non ammetteva subito di aver consumato un rapporto sessuale, anzi negava di essere stato in quell’appartamento. All’interno di casa c’era la donna che sui siti specializzati si pubblicava come “Bella signora matura disposta a tutto”.

La donna colombiana era “regolare”

La donna di quasi 50 anni, di origini colombiane ma cittadina spagnola, era regolare sul territorio italiano. Aveva preso in subaffitto la casa da un’altra sua “collega” andata via alcuni giorni prima. L’uomo, un anziano signore ragusano, ha cercato su internet una prostituta e si è recato presso l’indirizzo. Il proprietario di casa al momento dei fatti era irreperibile ma verrà sentito nei prossimi giorni, così da diffidarlo dall’affittare l’abitazione a prostitute.