Incontro Trump-Putin in Islanda? Il portavoce smentisce, ma è giallo

Trump e Putin intendono accelerare il processo di distensione tra Usa e Russia? Il Sunday Times    pubblica la notizia che  si svolgerà un summit tra i due presidenti in Islanda. Il portavoce di Trump smentisce. Ma è giallo perché un consigliere del nuovo presidente Usa conferma la notizia al giornale britannico.  Secondo il Sunday Times  il primo viaggio islandese di Trump nella sua nuova veste di presidente degli Stati Uniti avverrebbe tra poche settimane. Il giornale  lo scrive citando come fonte alcuni funzionari britannici che avrebbero raccolto le anticipazioni dello stesso Trump e del suo entourage. Il summit in Islanda riporta alla mente quello di Reykjavik del 1986,  alla fine della  Guerra Fredda, tra l’allora presidente Usa Ronald Reagan e il leader sovietico Mikhail Gorbaciov. Il vertice Trump-Putin dovrebbe servire a ristabilire la normalità nei rapporti tra Washington e il Cremlino. I due leader  dovrebbero discutere, tra l’latro, un accordo per la limitazione degli armamenti nucleari.

Una fonte che ha riferito di aver discusso del viaggio con Trump e con i funzionari dell’ambasciata russa di Londra ha detto al Times che  “l’idea del vertice con Putin è assolutamente all’ordine del giorno.  Anche i russi sono favorevoli”. Un consigliere di Trump ha confermato  che è intenzione del nuovo presidente Usa incontrare Putin “molto  presto” e che la sede di Reykjavik viene “considerata attivamente”.

In giornata è  però  arrivata la secca smentita da parte di Sean Spicer, prossimo portavoce di Trump alla Casa Bianca, che, su twitter, ha definito la notizia “falsa al 100%”. Ma il dubbio che qualcosa bolla effettivamente in pentola rimane