Il Gruppo Alde sbatte la porta in faccia a Grillo. Il centrodestra: “M5s ridicolo”

Il progetto di far entrare gli europarlamentari del M5S nel gruppo Alde «è stato ritirato, totalmente». Ne danno notizia fonti del gruppo dei Liberaldemocratici nel Parlamento Europeo, dopo l’incontro tra gli europarlamentari tenutosi a Bruxelles con il capogruppo Guy Verhofstadt. «Sono giunto alla conclusione che non ci sono sufficienti garanzie per portare avanti un’agenda comune per riformare l’Europa» con il M5S», dice il capogruppo Alde. «Ci sono troppo pochi punti in comune per procedere con la richiesta del Movimento 5 Stelle di aderire al gruppo Alde – continua Verhofstadt – rimangono differenze fondamentali su temi europei fondamentali». «Tuttavia, su questioni di interesse comune, come l’ambiente, la trasparenza e la democrazia diretta, il gruppo Alde e il Movimento Cinque Stelle continueranno a lavorare insieme».

Grillo incredulo: “Alde ci respinge perché c’è un complotto”

Incredula e furiosa la reazione di Grillo in un post firmato M5S. «L’establishment ha deciso di fermare l’ingresso del MoVimento 5 Stelle nel terzo gruppo più grande del Parlamento Europeo. Questa posizione ci avrebbe consentito di rendere molto più efficace la realizzazione del nostro programma».

Meloni: “Il no di Alde non cambia la sostanza. Grillo è come Monti”

«La porta in faccia a Grillo non cambia la sostanza: dopo anni di slogan contro l’establishment, Beppe Grillo si rivela un Mario Monti qualunque». Questo il commento al Tg1 di Giorgia Meloni. «Ci dispiace per i tanti elettori che hanno votato in buona fede il Movimento Cinque Stelle – ha aggiunto la leader di Fratelli d’Italia – sperando che volesse abbattere un sistema del quale invece vuole far parte». «Invitiamo quindi gli italiani a venire inpiazza con noi a Roma – aggiunge il 28 gennaio per dire che c’è invece chi ancora vuole mandare a casa quell’establishment e vuole rappresentare i diritti del popolo».

Gasparri: “Quella di Grillo è la tragedia di un uomo ridicolo”

Da Forza Italia, Maurizio Gasparri ricorre a un salace commento su Twitter: «Beppe Grillo impone al gregge scelte per soldi e prende porte in faccia. La tragedia di un uomo ridicolo e incapace #chiamateildottore».

Salvini: “Dopo il No di Alde è una Farsa a 5 Stelle”

«Il grillismo (pauperista e giustizialista) e il liberalismo sono incompatibili. Il gruppo Alde ha fatto bene a chiudere la porta a Grillo». Lo scrive in un tweet Deborah Bergamini, responsabile Comunicazione di Forza Italia. Il leader della Lega, Matteo Salvini parla invece di «Farsa 5stelle. I vertici del M5s hanno provato a svendersi ai padroni dell’euro e delle banche in cambio di qualche poltrona ma non ci sono nemmeno riusciti. La casa della Lega – conclude Salvini – è aperta a tutti gli eletti e gli elettori 5stelle delusi che quest’Europa la vogliono cambiare davvero e che non sono in vendita».