Gentiloni, intervento riuscito, sta bene. I tweet dei politici: “Ti aspettiamo” (Video)

 

“Un abbraccio, ti aspettiamo”: di fronte alla salute non c’è competizione che tenga;  tweet e messaggi di vicinanza e solidarietà da parte di tutto il mondo politico sono giunti al premier Gentiloni operato in mattinata al Gemelli di Roma. Il premier – dicono fonti di governo – sta meglio ed è vigile, ma dovrà restare per qualche giorno in ospedale. Annullata la visita in programma a Londra dove avrebbe dovuto incontrare la collega Theresa May. Ora si trova all’ottavo piano, il reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia. Dovrebbe restare in osservazione al Policlinico Gemelli di Roma per 3-4 giorni. Il malore aveva colto il premier già durante il faccia a faccia con Hollande. Un fastidio evidente anche dal volto sofferente delle foto ufficiali. “Non mi sento bene”, avrebbe spiegato ai suoi collaboratori. Poi il rientro a Roma e la scelta di effettuare in tarda serata alcuni accertamenti – compresa una coronarografia – al Policlinico Gemelli. Quindi la scelta dei sanitari di intervenire subito.

“In bocca al lupo” da Forza Italia

Dai rappresentanti dei tutto il mondo politico sono giunti gli auguri affettuosi: “Auguri di pronta guarigione al premier @PaoloGentiloni da parte del @GruppoFICamera. Un abbraccio affettuoso e in bocca al lupo”,  scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. Messaggi da Luigi Di Maio, su twitter, e  nota congiunta di deputati e senatori del Movimento 5 Stelle; del  sindaco di Firenze Dario Nardella e di Gaetano Quagliariello, tra gli altri.  A quanto si è appreso, il premier Gentiloni si è recato al Policlinico Gemelli al ritorno dal Parigi e lì si è convenuto sulla necessità di sottoporlo a un intervento chirurgico per il posizionamento di uno stent ad un vaso periferico. Gentiloni è in buone condizioni ed è vigile, sostengono i medici. 

Per Gentiloni 3-4 giorni di convalescenza

Il ministro degli Esteri Alfano tranquillizza con un tweet: «Gli ho scritto su Whatsapp, sta bene». «Appena atterrato da NewYork ho scritto un WhatsApp a Paolo Gentiloni. Era già online. Mi ha risposto subito. Sta bene. Sono contento». Stando a quanto spiegato all’Ansa da Michele Gulizia, cardiologo e presidente dell’Anmco, l’associazione dei cardiologi ospedalieri, a causare il malore potrebbero essere stati l’influenza o un particolare stato di stress. Il medico ha anche sottolineato come l’intervento di angioplastica ai vasi periferici sia relativamente semplice con una convalescenza di 48 ore. «L’angioplastica – ha detto – è la dilatazione attraverso un palloncino di una arteria che improvvisamente ha un’ostruzione totale o parziale che può  essere legata alla formazione di un trombo. In questo caso sappiamo che l’intervento ha riguardato dei vasi periferici, che possono essere cardiaci o degli arti, superiori o inferiori. A provocarla può essere stato uno stato di iperaggregazione, cioè una maggiore tendenza del sangue a coagulare, che può manifestarsi perché il soggetto è stressato, beve poco, o ha dei fattori genetici che predispongono a questo fenomeno».