Finisce in manette il buttafuori che ha sparato contro i clienti a Capodanno

Niente fuochi d’artificio a Capodanno, ma una lite con finale molto pesante. E ora il buttafuori è finito in manette. Come si legge sul Messaggero, è stato arrestato alle prime ore dell’alba dagli agenti della polizia. Romano di 32 anni.  doveva garantire la sicurezza per il cenone di Capodanno organizzato in un ristorante alla periferia della Capitale. Forse a causa dell’alcol, ha iniziato a discutere con due clienti e con l’organizzatore dell’evento. Sono stati inutili i tentativi di calmarlo e allontanarlo.

Il buttafuori ha tirato fuori la pistola e…

L’uomo, infatti, si è diretto verso la sua auto e, dal cofano, ha tirato fuori una pistola, regolarmente detenuta. Subito dopo ha fatto fuoco, sparando un primo colpo in aria, poi, due colpi all’indirizzo dei due avventori. Un quarto l’ha sparato ancora in aria. Quindi, messosi alla guida della sua auto, è scappato.

Positivo all’alcol-test

Dalla targa della vettura e dalle testimonianze raccolte, gli investigatori sono riusciti in breve tempo a risalire all’identità del buttafuori, mettendosi sulle sue tracce. Al termine della battuta, subito effettuata nella zona, gli agenti sono riusciti a rintracciarlo sulla via Anagnina. Sottoposto ad alcol-test, è risultato positivo. Condotto negli uffici del commissariato, al termine degli accertamenti, è stato arrestato per rispondere di tentato omicidio, minacce gravi e lesioni aggravate. Ritirato il porto d’armi.