Dopo la bufala sul figlio di Trump, arriva quella su Melania: «È triste» (video)

Non bastavano le prese in giro sul figlio di Donald Trump, costruite su video montati ad arte e diffusi sulla rete, ironie pesanti e vergognose su una presunta malattia del ragazzino, l’autismo, mai accertata e mai confermata da nessuno. Quella campagna di fango contro il presidente degli Stati Uniti, colpevole di aver vinto, prosegue sui social e sui media americano sempre coinvolgendo i suoi familiari. E stavolta tocca alla moglie Melania finire sulla graticola per una sua presunta tristezza che emergerebbe da alcuni video diffusi in rete e diventati virali sotto l’hashtag #freemelanie o #saveMelanie, liberate Melania o salvate Melania. 

A far scatenare gli internauti anti-Trump è in modo particolare  un momento del video durante la cerimonia dell’inaugurazione day, quando Donaldosi volta verso Melania per dirle qualcosa, lei reagisce sorridendo, ma quando il presidente degli Stati Uniti torna a voltarsi verso la folla il sorriso di lei si tramuta in una smorfia. Che secondo i rosiconi del web dimostrerebbe che lei è infelice e che in realtà quello sarebbe addirittura un matrimonio di copertura e che la donna, accanto a un uomo del genere, sarebbe tremendamente infelice, al punto da mascherare la sua tristezza con dei sorrisi di circostanza. Sospetti e veleni che in queste ore impazzano sul web senza controllo.