Bomba a Firenze, Meloni: “Imbecilli criminali. Solidarietà all’agente ferito”

La bomba alla libreria di CasaPound a Firenze ha suscitato indignazione e allarme nel mondo politico. Molto duro il commento di Giorgia Meloni. “Un poliziotto – scrive la Meloni su Facebook – ha perso l’occhio destro e la mano sinistra per colpa di qualche imbecille criminale che a Capodanno non ha avuto niente di meglio da fare che piazzare una bomba a Firenze davanti ad un libreria di CasaPound. Se quella bomba fosse scoppiata accanto a dei passanti avrebbe causato danni ancora più gravi. Piena solidarietà all’agente ferito e alla sua famiglia. Disprezzo totale per i dinosauri politici che ancora giocano a fare i bombaroli per affermare le proprie ideologie”.

Iannone: “E’ la terza bomba alla libreria di CasaPound”

”Massima solidarietà all’artificiere rimasto gravemente ferito nell’esplosione dell’ennesimo ordigno  piazzato davanti alla sede della libreria ‘Il Bargello’ di Firenze, la cui unica ‘colpa’ è quella di fare riferimento a CasaPound”. Lo  sottolinea in una nota il leader di Cpi Gianluca Iannone, commentando  il pacco bomba davanti alla saracinesca della libreria a Firenze e  aggiungendo che “si tratta del terzo attentato messo a segno  nell’ultimo anno contro il Bargello”.

Calderoli: “Episodio inquietante”

Solidarietà all’agente ferito e condanna dell’attentato sono venuti anche dal sindaco di Firenze Nardella, dalla presidente della Camera Boldrini e dal vicesegretario della Lega Nord, Roberto Calderoli. “Esprimo la mia solidarietà e la mia  vicinanza all’artificiere della Polizia di Stato gravemente ferito  stamattina dall’esplosione di un ordigno a Firenze. Ed esprimo la mia  preoccupazione per questo episodio inquietante: da anni in Italia non  si registrava un così grave attentato terroristico, un attentato  sicuramente pianificato ed organizzato vista la devastazione prodotta  dall’ordigno, per di più dotato di un timer. Questa non è una  ‘ragazzata’, questo è terrorismo. E non possiamo non essere preoccupati”.  Il premier Gentiloni ha telefonato al ministro dell’Interno Minniti per conoscere la dinamica dell’attentato e informarsi sulle condizioni dell’agente ferito.
       .