Bologna, fu ferito a colpi d’ascia: dopo due mesi arrestati gli aggressori

Colpito con un’ascia nella sua cantina, in zona San Donato, era stato trasportato d’urgenza all’Ospedale Maggiore a Bologna. Era accaduto l’11 novembre scorso a un giovane ucraino. Ora la polizia ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere. I provedimenti sono stati emessi dal gip del tribunale di Bologna, per tentato omicidio, nei confronti di due ragazzi. Si tratta di un ucraino di 21 anni, con precedenti di polizia, e di un italiano sempre di 21 anni. 

Bologna, l’ucraino era stato ferito 

L’indagine condotta dal personale della squadra mobile della questura di Bologna ha preso avvio nel mese di novembre quando il ferito è stato trasportato in ospedale. Nel corso dell’indagine, condotta dalla sezione “Reati contro la persona”, gli investigatori hanno appurato che il connazionale del giovane colpito dall’ascia gli aveva dato appuntamento per concludere la compravendita di circa due chili di marijuana. Si era poi presentato in compagnia del complice e, al posto del denaro pattuito, i due avevano colpito il giovane prima con un colpo d’ascia al volto e poi con un fendente al fianco, provocandogli una profonda ferita. Dopo l’aggressione l’uomo aveva perso i sensi e ai primi soccorritori aveva detto di essere stato colpito da uno sconosciuto.