Berlusconi: «Impensabile che la legge elettorale la scriva la Consulta»

«Non è pensabile che in una democrazia  sia un organo giurisdizionale, e non un organo legislativo, a scrivere la legge elettorale’». Così Silvio Berlusconi, dopo la sentenza della Consulta sull’Italicum, in un’intervista esclusiva sul Foglio di  domani con il direttore Claudio Cerasa, anticipata sul sito del quotidiano. Sul presidente del Consiglio, Berlusocni poi aggiunge: «Ho stima di Gentiloni e ne apprezzo lo stile e alcuni gesti, ma noi siamo e rimarremo all’opposizione di un  governo che è espressione del Pd ed è sostanzialmente identico al precedente».

«Generali è bene che resti italiana»

Berlusconi parla anche del caso finanziario di questi giorni: «Generali come Mediaset è una grande  impresa italiana che credo sia bene rimanga in mani italiane, anche  perché custodisce una parte significativa del nostro risparmio   gestito. La politica e le autorità di controllo devono fare la loro  parte, non interferendo con il libero mercato, ma garantendo il rispetto delle regole»